LETTURE DI OTTOBRE 2019

That's Monique_Letture di ottobre 2019

Iniziare l’autunno con una nuova rubrica mi è sembrato l’ideale visto che ultimamente non ho molto tempo da dedicare a questo blog. Parlerò di riviste e libri che ho intenzione di leggere nel corso del mese. E poi questa stagione è perfetta per mettersi sul divano, con la copertina e una tazza fumante di tè per dedicare un po’ di tempo a sé stessi, e io lo faccio con la lettura.

Questa è una lista che mi serve per tenere traccia di quello che vorrei leggere durante il mese ma che vuole essere anche uno spunto per tutti voi. Ed ora iniziamo!

  1. Slow Home Slow Living – Issue 1 Autumn: il nuovo numero di questo magazine stupendo fondato da Sarah Tognetti di Shabby Chic Interior. Non è la classica rivista che si trova in edicola, si può ordinare solo sul sito di Slow Home Slow Living ed è ricca di contenuti interessanti. Per non parlare delle fotografie: pura magia. In questo numero ci sono alcuni articoli dedicati al mondo dei bambini (dall’educazione allo shop consapevole e sostenibile per i più piccoli, …) ed altri che riguardano la cucina, progetti DIY e un articolo su Copenhagen scritto da Camilla (La tazzina blu).
  2. I like it magazine: l’ultimo numero è uscito il 20 di settembre, ma io non ho ancora avuto il tempo di leggerlo con calma. Adoro questo magazine, tratta temi molto attuali su cui far riflettere. Le copertine, realizzate da illustratrici ogni volta diverse, sono bellissime e sono tutte da incorniciare.
  3. Se i gatti scomparissero dal mondo di Genki Kawamura: è il nuovo #librogiappone di ottobre, che verrà commentato dal 7 al 13 ottobre su Instagram. Sono un po’ in ritardo ma conto di finirlo entro domenica e darvi il mio parere su questo libro.
  4. Il botanista di Marc Jeanson e Charlotte Fauve. Un libro che mi piace già dal titolo e che non vedo l’ora di iniziare. Io da amante delle piante non potevo lasciarmelo scappare!
  5. Nel Giappone delle donne di Antonietta Pastore: è il decimo libro della lista dei libri sul Giappone da leggere per quest’anno che avevo scritto in un post all’inizio dell’anno.

Per questo mese non aggiungo altri libri alla lista perché sono già in modalità elfo di Natale per prepararmi a dicembre. Quest’anno sarà il primo Natale da artigiana e voglio arrivare ben preparata per non fare le cose tutto all’ultimo minuto, come al mio solito -.-

5 AGENDE PER IL 2020

That's Monique_5 agende per il 2020

Inizio già ad agosto a cercare le mie agende per l’anno nuovo. Lo scorso anno avevo preso una 16 mesi di Katie Daisy. Molto compatta, da portare sempre con me in borsa, è un’agenda settimanale con bellissime illustrazioni. Poi, ne ho presa un’altra verso la fine dell’anno, di Flow Magazine. Anche quella settimanale, per segnare tutti gli appuntamenti e il lavoro per il mio nuovo progetto artigianale, Hasu Lab Design.

Quest’anno avevo iniziato già la ricerca ma ho dovuto aspettare metà settembre per trovare quella perfetta per me, che vi svelerò soltanto alla fine del post. Intanto date un’occhiata alle 5 agende che mi sono piaciute di più per il 2020.

1 – Agenda giornaliera di Ilaria Ida Interior Lifestyle: coloratissima e bellissima. Ogni mese ha un pattern diverso e inizia con il calendario mensile su due facciate. La pagina della giornata invece è suddivisa da una colonna per la lista delle cose da fare e una colonna con la time-table per segnare tutti gli appuntamenti. In più ci sono vari spazi suddivisi per categoria: famiglia, social network e note. L’agenda è pre-ordinabile sul suo sito solo fino al 6 ottobre. Io ne approfitterei! 😉

2 – Flow Diary 2020 di Flow Magazine: un’agenda settimanale che cambia di anno in anno. Io l’avevo presa lo scorso anno (e anche l’anno prima) e mi sono trovata benissimo. In più le copertine sono sempre stupende. L’unica cosa che mancava in quella di quest’anno è stata la visione del calendario mensile generale.

3 – Agenda settimanale di Giulia Le Petit Rabbit: un’agenda settimanale bellissima e colorata, ricca di contenuti extra come pagine dedicate a liste, adesivi e una pochette di carta. Pre-ordinabile Disponibile dal 7 ottobre sul suo sito!

4 – Garden Party Pocket Agenda di Rifle Paper Co.: un’agenda settimanale compatta, da portare in borsa. Adoro le loro illustrazioni, tanto che quando ho trovato dei tessuti con i loro pattern non sono riuscita a fare a meno di comprarli. L’interno è molto minimal e funzionale, con calendario mensile su due facciate, spazio per segnare compleanni ed eventi suddivisi per mese.

5 – Bullet journal: non è un’agenda vera e propria ma un modo per crearsene una a seconda delle proprie esigenze. Da Flying Tiger si trovano tanti quaderni colorati con le pagine a puntini appositi per il bullet journal. Vi consiglio di seguire Miriam Lepore su Instagram perché ne parla spesso! Sicuramente un metodo da provare, ma per quest’anno passo…vedremo per il 2021.

E secondo voi io quale avrò scelto tra queste?!

Sono tutte bellissime e la scelta è stata dura…però per quest’anno la mia agenda sarà quella giornaliera di Ilaria (Ida Interior Lifestyle). Colorata ma allo stesso tempo molto “minimal” e basica, senza tante distrazioni.

E voi? Avete già acquistato la vostra agenda per il 2020? Agenda giornaliera o settimanale? Commentate qui sotto!

IL MIO ANGOLO ORIENTAL STYLE

Il mio angolo oriental style

Era da un po’ di tempo che volevo sistemare il mio angolo orientale in camera da letto con la mia collezione di kokeshi vintage di legno. Non ne ho moltissime ma non mi piaceva più tenerle tutte raggruppate insieme assieme a candele e altri oggetti.

Ma poi PIB mi è venuta in aiuto e sul loro sito ho trovato proprio quello che stavo cercando: un piccolo scaffale di vetro e metallo con il fondo a specchio.

La struttura in ottone conferisce quel tocco retrò che in questo angolo mancava e allo stesso tempo mi permette di tenere in ordine alcuni oggetti sui vari ripiani. Inoltre, la forma “a casetta” mi piace moltissimo (vedi la mensolina in legno lì accanto).

Questo piccolo scaffale si può anche appendere grazie a un gancio, ma io preferisco tenerlo appoggiato per non dover bucare il muro.

Ovviamente non poteva mancare un tocco green in questo angolo e la nuova Calathea e due rametti di edera hanno trovato il loro posto.

Ma adesso vi parlo di PIB che mi ha fatto questo bellissimo regalo.

PIB è un’azienda di vendita online francese che dal 2010 propone una vasta gamma di mobili e accessori per la casa di ispirazione industriale, in stile scandinavo vintage e shabby chic.

I prodotti sono di qualità e molto originali. Sembrano veramente pezzi vintage!

Io da amante dello stile nordico ho già una wishlist lunghissima di prodotti!